MASTOPLASTICA RIDUTTIVA

La mastoplastica riduttiva è l’ intervento chirurgico di riduzione di volume del seno. Un seno di eccessive dimensioni è spesso causa non solo di un profondo disagio psicologico ma anche di disturbi funzionali quali quelli di postura e alterazioni del tratto cervicale della colonna vertebrale.

INTERVENTO CHIRURGICO
Esistono diverse tecniche chirurgiche che variano in funzione della entità della riduzione e del grado di ptosi (caduta) della ghiandola mammaria.
Per ridurre il volume del seno si asporta il contenuto, ovvero parte del grasso e della ghiandola mammaria, insieme alla pelle in eccesso.
A seconda della tecnica impiegata il risultato finale comporterà una unica cicatrice attorno all'areola alla quale, nei casi più complessi, dovrà essere associata anche una cicatrice verticale (dall'areola al solco sottomammario) di 5-7 centimetri.
L'intervento si esegue in anestesia generale, ha una durata variabile da 1 a 3 ore (in funzione dell'entità della riduzione) e richiede una notte di ricovero.
Prima dell’intervento la paziente deve sottoporsi a degli esami clinici e strumentali della ghiandola mammaria (visita senologica, ecografia, mammografia).

POST OPERATORIO

Dopo l'intervento la paziente deve portare un bendaggio che potrà essere rimosso a distanza di una settimana e sostituito con un normale reggiseno per 6-8 settimane.
Durante le prime settimane si devono evitare eccessivi sforzi fisici con gli arti superiori.

RISULTATI

La riduzione di volume e la nuova forma del seno sono apprezzabili già al momento della rimozione dei bendaggi e sono definitivi.
Le cicatrici sono poco visibili e facilmente occultabili con un normale reggiseno.
2008 © www.chirurgia-estetica.it - - login